SEZIONI NOTIZIE

Le forche, il muro e le corde

di Claudio Nassi
Vedi letture
Foto
© foto di Aldo Sessa/TuttoPalermo.net

Venerdì mi trovo a parlare con amici nella sede di una società dilettantistica di settore giovanile. C'è entusiasmo e voglia di confrontarsi. Quando dico che da 10 anni le squadre italiane non vincono una coppa in Europa e non abbiamo partecipato agli ultimi campionati del mondo, rimangono di sale. Non certo per il mondiale, che tutti ricordano. Dal momento che le cose stanno così, il calcio non è da rifondare? Se, nel proseguire la discussione, riporto quello che ha detto un artigiano che, con il padre, ha costruito non pochi attrezzi, nessuna meraviglia. Sanno che oltre i paletti, i cinesini, i coni, i maxiconi e gli ostacoli non si va. Da oltre 20 anni le forche si sono dimenticate. Come i muri. Per non parlare delle corde.

Ma se i fondamentali sono la cosa più importante, come si può fare a meno di ciò che un tempo era indispensabile? Se ogni anno tutte le società portavano nella rosa più di un ragazzo dal settore giovanile e qualcuno addirittura in prima squadra, ci sarà un motivo? Se vado a visitare uno per uno i club di Serie A, invito i calciatori a schierarsi a centrocampo e mi metto a 30 metri, guardano sbacaliti. Seppoi chiedo loro di calciare di collo piede, una volta col destro e una col sinistro, a un palmo da terra, una volta sul mio piede destro e una sul sinistro, quanti pensate siano capaci? E quando dico di ripetere l'esercizio con l'esterno piede, il numero si ridurrà ancora.

Che cosa si fa per uscire da questa situazione? Non ci si rimbocca le maniche per risalire la china, che ci vede al 12° o 13° posto nel ranking mondiale, non dimenticando che abbiamo occupato anche posizioni più alte? Perché quando si sente parlare di calcio propositivo e internazionale dai soliti ciarlatani, non prendiamo cappello? E quando ci si accorge che più di una provinciale gioca con due o tre italiani, non abbiamo vergogna ad accettarlo supinamente? E quando sento che si mandano osservatori a seguire 14 campionati e a lavorare su una fascia d'età che va dai 16 ai 25 anni, non viene da ridere? Ma è possibile che, visti gli stranieri che non hanno diritto di cittadinanza nei nostri campionati, non possiamo fare altro? Siamo sicuri che in B, in C e anche in categorie inferiori non si potevano trovare? E Michele Nappi, difensore sottovalutato, ma che non aveva piedi educati, non migliorò alla Roma sul piano tecnico a 27 anni con Nils Liedholm? E Tassotti al Milan non era diventato un calciatore con i fiocchi sotto lo svedese? A dimostrazione che l'esercizio migliora l'attrezzo. Un tempo riusciva a molti. 

Altre notizie
Lunedì 18 gennaio 2021
09:00 Primo Piano Lazzari numero uno
Venerdì 15 gennaio 2021
09:00 Archivio De Zerbi e Conte
Domenica 10 gennaio 2021
11:18 Archivio La Fiorentina
Venerdì 08 gennaio 2021
09:00 Archivio Castori
Lunedì 04 gennaio 2021
08:00 Archivio Sostituzioni
Lunedì 28 dicembre 2020
11:11 Archivio Quando serve il ritiro!
Lunedì 21 dicembre 2020
10:46 Archivio CR7 e Dybala
Venerdì 18 dicembre 2020
09:00 Archivio Juric
Lunedì 14 dicembre 2020
10:59 Archivio Gagliardini
Venerdì 11 dicembre 2020
11:10 Archivio Simone Inzaghi e Prandelli
Lunedì 07 dicembre 2020
10:40 Archivio Maradoneide
Venerdì 04 dicembre 2020
09:00 Archivio L'operazione simpatia!
Lunedì 30 novembre 2020
10:55 Archivio Finalmente Gasperini!
Venerdì 27 novembre 2020
09:00 Archivio Ibrahimovic, De Paul e CR7
Lunedì 23 novembre 2020
09:00 Archivio Il calcio è nato in Romagna!
Venerdì 20 novembre 2020
09:00 Archivio Aiuto, si collassa!
Lunedì 16 novembre 2020
09:00 Archivio Locatelli, Zaniolo e De Paul
Venerdì 13 novembre 2020
09:00 Archivio Sandulli e il CONI
Lunedì 09 novembre 2020
09:00 Archivio Makkelie e la Juventus
Venerdì 06 novembre 2020
09:00 Archivio Maghi in panchina!