SEZIONI NOTIZIE

De Zerbi e Conte

di Claudio Nassi
Vedi letture
Foto
© foto di Federico De Luca

Ascolto le interviste degli allenatori dopo Juventus - Sassuolo 3-1 e, quando è la volta di De Zerbi, salto sulla poltrona. Mai avrei immaginato che potesse dichiarare: "Anche se eravamo in dieci, ho tentato di vincere la partita". A distanza di giorni continuo a interrogarmi. D'accordo, la squadra stava giocando bene. Aveva raggiunto il pari al termine di un'azione stupenda, ma l'espulsione di Obiang, alla fine del primo tempo, consigliava equilibrio, tranquillità e attenzione massima da chi presentava Cristiano Ronaldo, Chiesa, Kulusevski, Ramsey e compagnia. E' vero che Liedholm si divertiva a ripetere che si gioca meglio in dieci, ma il barone aveva uno spiccato senso dell'humor. Poi assisto alla sostituzione di Defrel al 67', anche se 9' prima aveva realizzato il pareggio. Ricordo sempre che gli psicologi consigliano di non sostituire il calciatore che segna il gol determinante. Sputerà sangue fino alla fine, sapendo di essere l'attore principale. Vietare, inoltre, al tecnico di credere in un'ulteriore prodezza dei suoi, ci mancherebbe, ma sarebbe stato opportuno contare fino a dieci prima di esternare.

Meno divertenti le dichiarazioni di Antonio Conte dopo il 2-2 con la Roma. Stavolta, al contrario di De Zerbi, non sono passate inosservate. L'ingresso di Perisic per Lautaro al 77' e di Kolarov per Hakimi e Gagliardini per Vidal all'82', causa, infatti, accese critiche. In vantaggio per 2-1, voleva migliorare la fisicità della squadra. Detto che chi usciva non era così esile, Hakimi era stato il migliore e, senza Spinazzola, diventava ancor più pericoloso. Lautaro con Lukaku è una spina nel fianco per tutte le difese e si chiamava in panchina chi aveva segnato 15 gol, rispettivamente 6 e 9. Non era un segnale che si voleva difendere il risultato e, al contempo, non si invitava la Roma a produrre il massimo sforzo per raggiungere il pari? Non a caso Garlando, prima firma della "rosea", dà 5 a Conte e spiega: "Smonta l'Inter, incomprensibilmente, sul più bello. Toglie Lautaro, che congelava palla lontano, e Hakimi, che aveva ancora la forza di ripartire. Invitava in area. La Roma fa 2-2". E un tifoso interista, attento osservatore, dopo aver parlato con un tecnico che va per la maggiore, ha continuato a ripetere: "Se Conte guadagna un milione netto al mese e commette errori tanto evidenti, qualcosa stona". 

Altre notizie
Lunedì 18 gennaio 2021
09:00 Primo Piano Lazzari numero uno
Venerdì 15 gennaio 2021
09:00 Archivio De Zerbi e Conte
Domenica 10 gennaio 2021
11:18 Archivio La Fiorentina
Venerdì 08 gennaio 2021
09:00 Archivio Castori
Lunedì 04 gennaio 2021
08:00 Archivio Sostituzioni
Lunedì 28 dicembre 2020
11:11 Archivio Quando serve il ritiro!
Lunedì 21 dicembre 2020
10:46 Archivio CR7 e Dybala
Venerdì 18 dicembre 2020
09:00 Archivio Juric
Lunedì 14 dicembre 2020
10:59 Archivio Gagliardini
Venerdì 11 dicembre 2020
11:10 Archivio Simone Inzaghi e Prandelli
Lunedì 07 dicembre 2020
10:40 Archivio Maradoneide
Venerdì 04 dicembre 2020
09:00 Archivio L'operazione simpatia!
Lunedì 30 novembre 2020
10:55 Archivio Finalmente Gasperini!
Venerdì 27 novembre 2020
09:00 Archivio Ibrahimovic, De Paul e CR7
Lunedì 23 novembre 2020
09:00 Archivio Il calcio è nato in Romagna!
Venerdì 20 novembre 2020
09:00 Archivio Aiuto, si collassa!
Lunedì 16 novembre 2020
09:00 Archivio Locatelli, Zaniolo e De Paul
Venerdì 13 novembre 2020
09:00 Archivio Sandulli e il CONI
Lunedì 09 novembre 2020
09:00 Archivio Makkelie e la Juventus
Venerdì 06 novembre 2020
09:00 Archivio Maghi in panchina!